IL DIFENSORE CIVICO DI VALENCIA:ESENTARE LA PERSONA CON DISABILITA’ DALLA TASSA DI CIRCOLAZIONE
disabil

Apr 12, 2023 | News Internazionali | 0 commenti

Il Difensore Civico di Valencia richiede  di esentare la persona con disabilità dalla tassa di circolazione

 

TASSA SUI VEICOLI IN SPAGNA

Il Difensore Civico  della Comunità Valenciana, Ángel Luna, ha esortato la SUMA Gestión Tributaria (agenzia spagnola specializzata nell’amministrazione fiscale) a esentare dal pagamento della tassa sui veicoli a trazione meccanica (IVTM o meglio conosciuta come tassa di circolazione) una persona con disabilità accreditata dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (INSS) e ratificata dalla carta di invalidità rilasciata dalla Generalitat Valenciana.

La persona interessata ha presentato un ricorso al Difensore Civico di Valencia dopo che la SUMA gli aveva negato l’esenzione da questa tassa. Il motivo del diniego, secondo l’Agenzia fiscale, era di “non aver dimostrato fornendo la certificazione obbligatoria dell’ente competente di avere una disabilità pari o superiore al 33%, come richiesto dall’ordinanza comunale del Consiglio comunale di Altea e dalla normativa legale della tassa”. Cioè, SUMA non aveva ritenuto sufficiente né la risoluzione dell’INSS che approva la pensione di invalidità permanente totale, né la carta di accreditamento essendo una persona con diversità funzionale rilasciata dalla Generalitat Valenciana.

LA RISOLUZIONE DEL DIFENSORE CIVICO

Nella sua risoluzione, il Difensore Civico valenciano sostiene che, in conformità con la legislazione vigente, l’INSS è un organismo competente per accreditare il grado di disabilità pari o superiore al 33% e che, pertanto, la sua risoluzione avrebbe dovuto essere ammessa dalla SUMA.

La SUMA, infatti,  non può ignorare questa regola e deve garantire la migliore protezione dei diritti delle persone con disabilità.

Allo stesso modo, il Difensore Civico valenciano conclude efficacemente che i pensionati non devono pagare le conseguenze dei notevoli ritardi dell’amministrazione regionale nel rilascio dei certificati di invalidità e commenta:

“Non è necessario conoscere il grado specifico di disabilità, poiché è sufficiente per noi sapere che è uguale o superiore al 33%. Basta con questi formalismi”.

Un plauso dell’Associazione Nazionale dei Difensori Civici Italiani, da sempre schierata a tutela delle persone con disabilità contro ottusità e arroganze di certi poteri pubblici,  al “Sindic de Greuges de la Comunitat Valenciana” (Difensore Civico della Comunità Valenciana).

 

Fabio Riccio

Articoli correlati

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

ll Difensore Civico della Comunità Valenciana, Ángel Luna, afferma che l'assistenza socio-educativa dei minori di 14 anni che commettono azioni criminali viene trascurata . È così che il Difensore Civico conclude l'indagine d'ufficio, sottolineando che la prevenzione...

DIFESA CIVICA E COESIONE

DIFESA CIVICA E COESIONE

La Difesa Civica si è andata consolidando, nonostante ad essa non sia stato riconosciuto ancora in Italia il rango costituzionale, come un ‘’potere terzo’’ per la Cittadinanza protagonista  nell’ambito delle istituzioni.  Come tale svolge una sua specifica funzione di...