IL DIFENSORE CIVICO DI BARCELLONA PER LA PARTECIPAZIONE DELLE PERSONE DELLE PERSONE VULNERABILI
OIP

Lug 25, 2023 | News, News Internazionali | 0 commenti

Partecipazione per le persone in situazioni vulnerabili, asse principale di un progetto europeo.

Il Difensore Civico di Barcellona è fra i protagonisti del Progetto “iDEM: Spazi democratici innovativi e inclusivi per la deliberazione e la partecipazione”.

Questa iniziativa cerca di migliorare l’accesso ai processi di partecipazione e deliberazione per le persone con diversità funzionale e ha la partecipazione di 11 Istituzioni provenienti da 6 Paesi diversi.

COSA è IDEM

“iDEM: Spazi democratici innovativi e inclusivi per la deliberazione e la partecipazione” vuole servire a comprendere e superare i limiti nella partecipazione di  gruppi vulnerabili e progettare una soluzione. Il progetto si basa su un’analisi intersezionale delle condizioni in cui le strutture di potere esistenti limitano la partecipazione dei gruppi vulnerabili.

Questo sarà il primo studio a studiare l’intelligenza artificiale e i metodi di elaborazione del linguaggio naturale come fattori abilitanti per affrontare la disuguaglianza politica per la deliberazione e la partecipazione negli spazi democratici.

ENTI PARTECIPANTI

Il progetto ha una varietà di istituzioni partecipanti: Università Pompeu Fabra, la Sindicatura de Greuges de Barcelona, l’Istituto Municipale per le Persone con Disabilità, la Fondazione Cibervoluntarios, l’Organizzazione di entità a favore delle persone con disabilità intellettive della Comunità di Madrid (Plena Inclusión Madrid) dallo stato spagnolo, insieme all’Università di Leeds (Regno Unito),  CFS GmbH (Austria), Nexus Institut Fur Kooperations Managemenet und Interdisziplinare Forschung GMBH (Germania), National Microelectronics Applications Centre Ltd (Irlanda), Anffas Nazionale e Actionaid International Italia Onlus (Italia).

Ognuna di queste istituzioni contribuirà con una parte fondamentale nel processo.

Il Sindic de Geuges di Barcellona è impegnato, in prima fila, a implementare e rafforzare i canali di partecipazione per promuovere il coinvolgimento delle persone con situazioni di vulnerabilità (diversità funzionale, anziani, migranti) negli spazi decisionali, in particolare nel  “diritto alla Città” e nei “diritti umani di prossimità”.

 

PALUSO DELL’ANDCI

L’ ANDCI plaude all’iniziativa e all’impegno del Difensore Civico di Barcellona a favore delle persone vulnerabili e per la partecipazione, d’intesa con rilevanti soggetti istituzionali e associatovi.

Come per altre iniziative, è la strada intrapresa dall’ANDCI nel suo impegno in Civicrazia, la Coalizione per i diritti del Cittadino e per il nuovo Modello partecipativo e meritocratico.

In tale impegno unitario l’ANDCI chiede una risposta rapida e nazionale da dare ai Cittadini con l’istituzione, anche in Italia, del Difensore Civico Nazionale e conferendogli rilevanti poteri, e con il superamento delle tante discriminazioni ancora vigenti.

Fabio Riccio

Articoli correlati

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

ll Difensore Civico della Comunità Valenciana, Ángel Luna, afferma che l'assistenza socio-educativa dei minori di 14 anni che commettono azioni criminali viene trascurata . È così che il Difensore Civico conclude l'indagine d'ufficio, sottolineando che la prevenzione...

DIFESA CIVICA E COESIONE

DIFESA CIVICA E COESIONE

La Difesa Civica si è andata consolidando, nonostante ad essa non sia stato riconosciuto ancora in Italia il rango costituzionale, come un ‘’potere terzo’’ per la Cittadinanza protagonista  nell’ambito delle istituzioni.  Come tale svolge una sua specifica funzione di...