AUTISMO: IL DIFENSORE CIVICO APRE UN’INCHIESTA

Nov 30, 2018 | News | 0 commenti

Impietosa radiografia del sistema sanitario della Campania, soprattutto per quanto riguarda l’assistenza ai più deboli e meno tutelati, come i bimbi autistici.

A redigerla il Difensore Civico campano, che recepisce le istanze di tutti i cittadini che si sentono bistrattati dal sistema sanitario regionale, e non riescono ad ottenere le prestazioni cui hanno diritto. Sappiamo bene l’attuale pessimo livello della sanità nella regione.

Ecco alcuni fra i passaggi salienti della relazione del Difensore Civico, l’avvocato Giuseppe Fortunato, e inviata all’Istituto Superiore di Sanità, al ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, a svariate autorità regionali, nonché a tutte le Asl della Campania.

Dopo aver sottolineato che “in Campania esiste un patto perverso tra interessi economici e burocrazia politico-amministrativa, esordisce facendo notare come da ben sei anni restino del tutto disattese le “Linee Guida sull’Autismo” impartite nel 2012 dall’Istituto Superiore. In particolare: “non si applicano le nuove metodologie personalizzate fondate sull’attenzione al caso singolo; nulla è cambiato in materia di formazione professionale per l’autismo; ai docenti non si danno le istruzioni; non si permette la nascita di figure professionali sanitarie e degli educatori abilitati opportunamente alla cura degli autistici; non si attuano le Equipes pubbliche pluridisciplinari”.

E tutto ciò “nel mentre la sanità pubblica dorme, il giro d’affari legato alla logopedia, alla psicomotricità e a tematiche genericamente ‘autistiche’, nella sola Regione Campania supera i 300 milioni di euro annuo, con terapie vecchie, costose e non in linea con quanto ha evidenziato la ricerca moderna, recepita già dal 2012”.

“Per comodità e per interessi di pochi, l’attuale sistema tratta l’autistico sostanzialmente come un grave dislessico e anche la continuità assistenziale necessaria viene spesso negata dalle Aziende sanitarie, dovendosi far ricorso alla sede giudiziaria per ottenere l’erogazione di metodologia aggiornata, specifica e scientificamente idonea a fornire risultati sui pazienti.

Peraltro, la legge regionale campana n° 26 del 28 settembre 2017, “Organizzazione dei servizi a favore delle persone in età evolutiva con disturbi del neurosviluppo e patologie neuropsichiatriche e delle persone con disturbi dello spettro autistico”, è stata bocciata dalla Corte Costituzionale , in quanto invade il campo riservato al commissario ad acta per l’attuazione del piano di rientro dal disavanzo sanitario della Regione e collide con l’articolo 120 della Costituzione. La bocciatura della nuova legge campana sull’autismo è l’ennesima conferma della superficialità dell’amministrazione regionale.

Articoli correlati

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

ll Difensore Civico della Comunità Valenciana, Ángel Luna, afferma che l'assistenza socio-educativa dei minori di 14 anni che commettono azioni criminali viene trascurata . È così che il Difensore Civico conclude l'indagine d'ufficio, sottolineando che la prevenzione...

DIFESA CIVICA E COESIONE

DIFESA CIVICA E COESIONE

La Difesa Civica si è andata consolidando, nonostante ad essa non sia stato riconosciuto ancora in Italia il rango costituzionale, come un ‘’potere terzo’’ per la Cittadinanza protagonista  nell’ambito delle istituzioni.  Come tale svolge una sua specifica funzione di...