giovedì 6 Ottobre 2022

Umberto De Gregorio: il caso dell’immeritocrazia assoluta

venerdì 21 Agosto 2020 11:27
News

Il Presidente dell’Ente Autonomo Volturno Umberto De Gregorio fu nominato anche Direttore Generale, senza averne i requisiti e senza la procedura prescritta, da Luca Cascone (costituente l’assemblea unipersonale, presieduta dallo stesso De Gregorio). Adesso succede che il dott. De Gregorio, invece di bandire il concorso per Direttore Generale, bandisce una selezione per dirigente Responsabile delle Risorse Umane e Organizzazione (retribuzione annuale lorda: 100 mila euro, oltre la retribuzione di risultato. Bisogna dare risposte alle domande del Difensore Civico campano:
Come fa la Regione Campania a non bandire ancora il concorso per Direttore Generale ?
Perchè i revisori dei conti, nominati dallo stesso Cascone, non rispondono al Difensore Civico campano?
Per questo dirigente delle Risorse Umane non occorre la laurea, il curriculum formativo e di servizio è ridotto a trenta punti in modalità appiattita ed altri settanta punti vanno a due colloqui, in cui nel secondo la Commissione, nominata da De Gregorio, misurerà consapevolezza di sé, motivazione ed empatia. Insomma De Gregorio, nominato in un modo antimeritocratico, perpetua analoghe modalità.
De Gregorio può essere nominato da De Luca come suo esperto di fiducia e anche come Assessore ma non può continuare a essere Manager dei trasporti (Direttore Generale) dove la legge impone requisiti e procedure, anche per garantire che non avvengano arbitrii quale questa selezione di ferragosto. Bisogna assolutamente ripristinare la regolarità delle nomine.
#DifensoreCivicoCampania
#Civicrazia
#PresidenteRegioneCampania

Translate »