TRASPARENZA E MERITOCRAZIA PER LA NOMINA DEL DIFENSORE CIVICO NELLA PROVINCIA DI BENEVENTO
1200px Rocca_dei_Rettori,_Benevento

Giu 25, 2023 | News | 0 commenti

PROVINCIA DI BENEVENTO: AFFIDATA LA “QUAESTIO£ DEL DIFENSORE CIVICO AL COMMISSARIO AD ACTA

Tira. E molla. Solleciti e attese. Il Consiglio provinciale non trovava soluzione alcuna per la nomina del Difensore Civico. E a prendere le redini è stato l’Avv. Giuseppe Fortunato, Difensore Civico campano, che ha commissariato la Provincia di Benevento.  Ma come mai si è giunti alla nomina del Commissario ad Acta?

 

 

L’INTERVENTO DEL DIFENSORE CIVICO CAMPANO

A essere nominata Commissario ad acta dal summenzionato  Difensore Civico campano, con decreto n°42 del 4 maggio 2023, è l’Avv. Francesca Grazia Conte, in seguito alla presa d’atto, da parte di quest’ultimo, della persistente assenza della figura del Difensore Civico nella Provincia di Benevento e della mancanza di volontà da parte della stessa Provincia nel procedere per  la nomina. La situazione, dunque, era grave. E necessitava di un valido, quanto celere, intervento.

 

VENTO NUOVO

Detto, fatto. Il Commissario ad acta non poteva offrire soluzione migliore garantendo il rispetto della trasparenza. E della massima oggettività. Sono stati definiti, infatti, preventivamente, congiuntamente ai relativi punteggi, i titoli: una esperienza quinquennale in materia da parte del candidato; un’attività, almeno decennale, nell’ambito della pubblica amministrazione; l’abilitazione alla professione forense;  l’esperienza, almeno decennale, nell’ambito dell’avvocatura.

 

LA PROCEDURA DI VALUTAZIONE

E’ stato previsto, inoltre, che in caso di pari punteggio, si procederà dando priorità al candidato che abbia avuto esperienza nell’ambito della Difesa Civica internazionale, nazionale e locale e poi tenuto conto degli incarichi professionali svolti da quest’ultimo. Si considererà, poi, se il candidato abbia svolto un periodo lavorativo nell’ambito della pubblica amministrazione, gli ulteriori titoli di studio e le pubblicazioni, al fine di potere avere il feedback più completo dei diversi “curricula”.

 

LE INELEGGIBILITA’

A non poter partecipare a tale procedura, invece, saranno: coloro che versano in condizioni di ineleggibilità; i membri del Parlamento o dei Consigli regionali e non; i funzionari ed i dipendenti della Provincia, ma anche quelli di Enti, aziende, Consorzi afferenti alla summenzionata entità. Non potranno, inoltre, prendervi parte i membri di organismi direttivi nazionali, regionali, locali dei partiti,  i Revisori dei Conti di Provincia, gli amministratori di enti e società, coloro che prestino la propria opera per la Provincia o che hanno carichi pendenti sulla propria persona.

Non resterà, dunque, che attendere i futuri risvolti per chi dovrà ricoprire il ruolo così delicato ed importante, considerando anche l’avvenuta abrogazione del Difensore Civico comunale.

 

Valeria Garbin

Articoli correlati

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

ll Difensore Civico della Comunità Valenciana, Ángel Luna, afferma che l'assistenza socio-educativa dei minori di 14 anni che commettono azioni criminali viene trascurata . È così che il Difensore Civico conclude l'indagine d'ufficio, sottolineando che la prevenzione...

DIFESA CIVICA E COESIONE

DIFESA CIVICA E COESIONE

La Difesa Civica si è andata consolidando, nonostante ad essa non sia stato riconosciuto ancora in Italia il rango costituzionale, come un ‘’potere terzo’’ per la Cittadinanza protagonista  nell’ambito delle istituzioni.  Come tale svolge una sua specifica funzione di...