PRIMO TRIMESTRE 2024 DELLA DIFESA CIVICA IN SERBIA
Con l’inizio del 2024, il Difensore Civico serbo, ossia il Protettore dei Cittadini, svolgendo anche  i compiti di Istituzione nazionale di prevenzione della tortura, ha effettuato visite di controllo alle stazioni di polizia di Ražanj e Merošina, all’avamposto della polizia stradale per l’autostrada e all’avamposto di polizia di Mediana  in Niš.
In tale ultima occasione il Difensore Civico serbo ha anche visitato  l’istituto penitenziario e penitenziario di Niš , ove le strutture di detenzione situate in tale istituto vengono utilizzate per la detenzione fino a 48 ore. Le visite sono state effettuate al fine di monitorare l’attuazione delle prescrizioni in materia.
Dopo tali visite, il Difensore Civico serbo ha redatto un rapporto e ha inviato una raccomandazione complessiva all’istituto penitenziario di Niš.
Lo Sportello Unico Internazionale della Difesa Civica plaude alle incisive  attività del Difensore Civico della Serbia contro le torture e promuove azioni volte alla prevenzione e alla lotta di sanzioni e sistemi illeciti nei commissariati e negli Istituti penitenziari..

Articoli correlati

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

ll Difensore Civico della Comunità Valenciana, Ángel Luna, afferma che l'assistenza socio-educativa dei minori di 14 anni che commettono azioni criminali viene trascurata . È così che il Difensore Civico conclude l'indagine d'ufficio, sottolineando che la prevenzione...

DIFESA CIVICA E COESIONE

DIFESA CIVICA E COESIONE

La Difesa Civica si è andata consolidando, nonostante ad essa non sia stato riconosciuto ancora in Italia il rango costituzionale, come un ‘’potere terzo’’ per la Cittadinanza protagonista  nell’ambito delle istituzioni.  Come tale svolge una sua specifica funzione di...