LE “DÉFENSEUR DES DROITS” E LA TUTELA ALLE VITTIME DI MOLESTIE SESSUALI.

Feb 28, 2018 | News Internazionali | 0 commenti

Le Défenseur des droits ha lanciato una campagna di informazione e sensibilizzazione per incoraggiare le donne vittime di molestie sessuali sul lavoro ad affermare i propri diritti.

Le Défenseur ha reso noto l’esito di un sondaggio condotto nel 2014: la molestia sessuale sul lavoro colpisce una donna su cinque.
Le Défenseur des droits ha deciso, quindi, di scendere in campo ed agire attivamente a sostegno di tutte coloro che denunciano molestie, sia in qualità di vittime che come testimoni.
La lotta contro tale forma di discriminazione è un’attività che coinvolge tutti.
Le Défenseur ha organizzato questa campagna di comunicazione con poster, opuscoli, cortometraggi, testimonianze, video e l’hashtag “#UneFemmeSurCinq”, che ha provveduto a pubblicare sul proprio sito web e sui social network.
Tutto ciò allo scopo di far conoscere alla donna-vittima le modalità per tutelare i propri diritti.
Le molestie possono essere perpetrate con:
– Commenti o comportamenti sessuali indesiderati e ripetuti (a titolo esemplificativo: gesti, parole o battute a sfondo sessuale; invio di messaggi di testo, e-mail o immagine a contenuto erotico; visualizzazione di immagini erotiche o sessuali sullo screen saver del computer);
– Grave pressione per lo scopo, reale o percepito, di ottenere un atto di natura sessuale. Trattasi in tal caso di una sollecitazione di atto sessuale richiesta in cambio di assunzione o promozioni. Il molestatore può essere quindi un superiore gerarchico, un collega, un utente del servizio pubblico.
In presenza di tali forme di discriminazione, la vittima deve scrivere un resoconto cronologico e dettagliato dei fatti, raccogliere le prove (lettere / sms scambiati con l’autore dei fatti, testimonianze, certificati medici). La cosa importante è che NON DEVE PROVARE LE MOLESTIE ma RACCOGLIERE ELEMENTI CHE NE SUGGERISCANO L’ESISTENZA.
In seguito le Défenseur effettua indagini sul posto teatro della molestia con richiesta di informazioni e qualora ne venga accertata l’esistenza, le défenseur potrà attivare un procedimento disciplinare.
Le Défenseur des droits, quindi, accompagna la donna-vittima di molestie in tutto l’iter giudiziario al fine di affermare e riconoscere i propri diritti.

Articoli correlati

LE NOVITA’ DAI DIFENSORI CIVICI DEL MEDITERRANEO

LE NOVITA’ DAI DIFENSORI CIVICI DEL MEDITERRANEO

ALBANIA Un rilevante esempio di azione del Difensore Civico Nazionale albanese è rappresentato dal discorso che il medesimo ha tenuto in occasione della Giornata Internazionale dell’Istruzione, svoltasi nello scorso mese di gennaio 2024. Il Difensore Civico Nazionale...

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

ll Difensore Civico della Comunità Valenciana, Ángel Luna, afferma che l'assistenza socio-educativa dei minori di 14 anni che commettono azioni criminali viene trascurata . È così che il Difensore Civico conclude l'indagine d'ufficio, sottolineando che la prevenzione...

DIFESA CIVICA E COESIONE

DIFESA CIVICA E COESIONE

La Difesa Civica si è andata consolidando, nonostante ad essa non sia stato riconosciuto ancora in Italia il rango costituzionale, come un ‘’potere terzo’’ per la Cittadinanza protagonista  nell’ambito delle istituzioni.  Come tale svolge una sua specifica funzione di...