LAVORO E DISABILITÀ

Nov 2, 2017 | News | 0 commenti

Sono trascorsi circa tre mesi da quando il Comune di Vasto ha bandito due concorsi, destinati a disabili muniti di patente, per un posto fisso di “addetto alla registrazione dati”; il requisito: una patente B in corso di validità. Ma chissà a cosa potrebbe servire questa, non avendola, il Comune, richiesta nemmeno ai normodotati, per un posto analogo con medesima categoria e posizione economica (B3)!?

Non è un caso che tale vicenda abbia innescato un caso mediatico. Stavolta, però, è il Difensore civico regionale, l’avvocato Fabrizio Di Carlo, a farsi sentire dall’amministrazione Menna, a seguito di un esposto presentato dal consigliere di opposizione Vincenzo Suriani (Fratelli d’Italia – An), insieme ai colleghi di minoranza Francesco Prospero e Alessandro d’Elisa.
Dopo oltre una settimana di silenzio, l’amministrazione Menna ha sostenuto, in una conferenza stampa, che il requisito fosse stato inserito perché i bandi per disabili fossero in realtà destinati a due figure da adibire a “messi notificatori”; l’opposizione ha ribattuto, invece, che il testo facesse pensare a due figure prettamente impiegatizie e che la qualifica di “messo notificatore” non fosse neppure menzionata nei medesimi bandi.
L’avvocato Di Carlo sposa le tesi dei consiglieri di minoranza e scrive che “deve anche rilevarsi che le relative materie d’esame scritte, pratiche ed orali, sono tutte incentrate nel campo giuridico amministrativo, per cui non appare logico che i medesimi vincitori possano poi essere assegnati a ricoprire profili professionali ed a svolgere mansioni diverse per le quali non sia stato accertato il reale livello di preparazione”, e aggiunge che “in base al reale e sostanziale contenuto dei bandi in questione entrambe le qualifiche ed i profili professionali sono da classificare come personale impiegatizio interno”. Il Difensore civico regionale, insomma, conferma che questi bandi fossero destinati a due posti da impiegati, e che nulla avessero a che vedere con la figura del “messo notificatore”.
Ora, di fronte alla richiesta di chiarimenti, da parte del Difensore civico, si tratta soltanto di scegliere se fare dietrofront e riaprire la selezione per disabili anche ai partecipanti non in possesso di patente di guida, oppure tentare una nuova colossale “arrampicata sugli specchi”.
Si spera prevalga il buon senso e venga corretto il bando. Sarebbe una vittoria per la città di Vasto e per la giustizia.

Articoli correlati

LE NOVITA’ DAI DIFENSORI CIVICI DEL MEDITERRANEO

LE NOVITA’ DAI DIFENSORI CIVICI DEL MEDITERRANEO

ALBANIA Un rilevante esempio di azione del Difensore Civico Nazionale albanese è rappresentato dal discorso che il medesimo ha tenuto in occasione della Giornata Internazionale dell’Istruzione, svoltasi nello scorso mese di gennaio 2024. Il Difensore Civico Nazionale...

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

ll Difensore Civico della Comunità Valenciana, Ángel Luna, afferma che l'assistenza socio-educativa dei minori di 14 anni che commettono azioni criminali viene trascurata . È così che il Difensore Civico conclude l'indagine d'ufficio, sottolineando che la prevenzione...

DIFESA CIVICA E COESIONE

DIFESA CIVICA E COESIONE

La Difesa Civica si è andata consolidando, nonostante ad essa non sia stato riconosciuto ancora in Italia il rango costituzionale, come un ‘’potere terzo’’ per la Cittadinanza protagonista  nell’ambito delle istituzioni.  Come tale svolge una sua specifica funzione di...