LA VIA DELLA FELICITÀ – IL CASO CMO DI TORRE ANNUNZIATA

Lug 31, 2019 | News | 0 commenti

Per Leopardi la felicità è un tutt’uno con il piacere, è il sommo bene. In un appunto del suo Zibaldone, Leopardi afferma che la somma felicità possibile nel mondo si realizza quando l’uomo vive “quietamente nel suo stato con una speranza riposata e certa di un avvenire molto migliore”.

Questa non è solo una concezione della poesia. Dopo Keynes e il superamento della grande crisi del 1929, il problema ambientale, il problema della povertà e il problema del divario tra nord e sud del mondo, hanno portato gli economisti a concentrarsi sullo sviluppo sostenibile e sullo sviluppo umano. Secondo le nozioni della scienza economica degli ultimi decenni la crescita economica non è più sufficiente: lo sviluppo è reale solo se migliora la qualità della vita in modo duraturo. I concetti di sostenibilità economica, ambientale e sociale diventano fondamentali. A partire dagli anni ’90, in particolare a opera del filosofo Sen, secondo il quale lo sviluppo umano è “un processo di ampliamento delle possibilità umane che consenta agli individui di godere di una vita lunga e sana, essere istruiti e avere accesso alle risorse necessarie a un livello di vita dignitoso”.

Per decenni hanno prevalso in economia quelle visioni che pretendono di descrivere l’uomo come una macchina razionale che vuole massimizzare un obiettivo e minimizzare i costi. Lo sviluppo umano, invece, introduce l’idea di un agente che ha interessi, valori, passioni e quindi non considerato solo come homo aeconomicus. Ritengo, personalmente, che l’intervento del Difensore Civico della Campania, l’Avv. Giuseppe Fortunato, a favore dei lavoratori licenziati dalla CMO di Torre Annunziata, sia da ascrivere in questa corrente di pensiero e non ridimensionabile a una mera azione romantica. Ci ha indicati come passare dalla teoria alla pratica: restituire la speranza. Nell’esercizio del proprio ruolo, ha appurato un’inerzia amministrativa e ha commissariato il Comune di Torre Annunziata affinché si procedesse al rilascio delle autorizzazioni dovute, la cui mancanza bloccavano l’azienda, quindi, causato il licenziamento. Con questa azione si è ridata una speranza e una prospettiva a 69 famiglie. Sono queste le azioni che indicano la via della felicità.

Articoli correlati

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

ll Difensore Civico della Comunità Valenciana, Ángel Luna, afferma che l'assistenza socio-educativa dei minori di 14 anni che commettono azioni criminali viene trascurata . È così che il Difensore Civico conclude l'indagine d'ufficio, sottolineando che la prevenzione...

DIFESA CIVICA E COESIONE

DIFESA CIVICA E COESIONE

La Difesa Civica si è andata consolidando, nonostante ad essa non sia stato riconosciuto ancora in Italia il rango costituzionale, come un ‘’potere terzo’’ per la Cittadinanza protagonista  nell’ambito delle istituzioni.  Come tale svolge una sua specifica funzione di...