LA QUESTIONE DEI NAVIGATOR CAMPANI

Ott 1, 2019 | News | 0 commenti

La “questione” è questa: il Governo avvia un programma nel quale sono previste, per l’accompagnamento, delle figure professionali per la durata delle attività. Lo Stato, nelle sue articolazioni, in attuazione del programma, avvia le procedure di selezione. In Campania i selezionati sono 471 ma, a questo punto, lo Stato, nel caso specifico la Regione Campania, decide di non definire il rapporto. La motivazione è quella di non creare ulteriori sacche di precariato.

Eppure la Regione Campania aveva preso precisi impegni in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, sottoscrivendo in data 17 aprile 2019, il “Piano straordinario sul potenziamento dei Centri dell’Impiego e delle Politiche attive del lavoro”. Le caratteristiche delle figure professionali sono state individuate, la selezione stata fatta, la copertura economica c’è, i 471 Navigator hanno vinto regolare selezione ma non si procede alla sottoscrizione del contratto di lavoro. Solo in Campania.

In una Regione martoriata dalla disoccupazione è grave che non si dia seguito agli impegni assunti. E’ grave che sia lo Stato a non mantenere gli impegni assunti. E’ grave che si ponga quale scusante il precariato, perché i vuoti in organico da occupare tramite concorso pubblico è cosa distinta e separata dal potenziamento degli uffici pubblici temporaneo e dovuto al sovraccarico di lavoro necessario a sostenere le attività derivanti dall’organizzazione di un programma speciale, quale Reddito di Cittadinanza.

La nostra Costituzione assegna al “lavoro” la funzione di supremo criterio valutativo della posizione da attribuire ai cittadini nello Stato, in contrapposizione agli statuti e costituzioni precedenti in cui preminente erano proprietà e status sociali. Negare opportunità di lavoro equivale a negare gli strumenti necessari all’affermazione della personalità. Se poi a venir meno al “contratto sociale” è proprio lo stato, non ci si deve meravigliare se qualcuno possa pensare di poterne fare a meno.

Articoli correlati

LE NOVITA’ DAI DIFENSORI CIVICI DEL MEDITERRANEO

LE NOVITA’ DAI DIFENSORI CIVICI DEL MEDITERRANEO

ALBANIA Un rilevante esempio di azione del Difensore Civico Nazionale albanese è rappresentato dal discorso che il medesimo ha tenuto in occasione della Giornata Internazionale dell’Istruzione, svoltasi nello scorso mese di gennaio 2024. Il Difensore Civico Nazionale...

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

ll Difensore Civico della Comunità Valenciana, Ángel Luna, afferma che l'assistenza socio-educativa dei minori di 14 anni che commettono azioni criminali viene trascurata . È così che il Difensore Civico conclude l'indagine d'ufficio, sottolineando che la prevenzione...

DIFESA CIVICA E COESIONE

DIFESA CIVICA E COESIONE

La Difesa Civica si è andata consolidando, nonostante ad essa non sia stato riconosciuto ancora in Italia il rango costituzionale, come un ‘’potere terzo’’ per la Cittadinanza protagonista  nell’ambito delle istituzioni.  Come tale svolge una sua specifica funzione di...