martedì 22 Novembre 2022

ISTITUIRE SUBITO IN ITALIA IL DIFENSORE CIVICO NAZIONALE.

giovedì 20 Ottobre 2022 18:02
News
Se senti parlare di “Difensore Civico” subito ti assalgono un po’ di domande: chi è?
Esiste in tutta Italia o solo in Campania, ove è una presenza quotidiana? di che cosa si occupa?
Interrogativi semplici ma che restano spesso senza risposta e  nascono dalla poca promozione dell’Istituto e delle sue funzioni da parte delle pubbliche amministrazioni e dalla poca  conoscenza delle possibilità di tutela che può garantire.
Pertanto facciamo chiarezza.
E’ una figura che in Italia oggi è solo regionale (ma manca in Sicilia, in Calabria, in Puglia)  e provinciale.
E’ stato abrogato il Difensore Civico comunale
Non esiste una legge istitutiva della figura del Difensore Civico nazionale, necessaria per la tutela contro il cattivo funzionamento delle amministrazioni statali.
Si tratta di una Autorità Amministrativa indipendente sui generis con prerogative di autonomia rispetto ai vertici politici.
Nel 2019, nella conferenza dei presidenti  dell’Assemblee legislative delle Regioni, si è approvato un documento con l’obiettivo di promuovere l’armonizzazione della detta figura tra le varie regioni.
Ma alla discussione non è seguito nessun atto esecutivo.
In Italia, come detto, nemmeno tutte le regioni sono dotate della figura del Difensore Civico e ciò tanto è possibile perché tanto la politica che la cittadinanza attiva hanno poca conoscenza della figura e delle sue funzioni e non hanno chiaro il valore di una Istituzione al servizio del cittadino e a esclusiva tutela dei suoi diritti verso la PA.
Pertanto si devono ora  armonizzare le varie figure regionali e provinciali,  anche con altri Garanti,  creando dei momenti di condivisione di best practice  sia sulla promozione di iniziative con altri soggetti istituzionali su temi specifici, sia, ancora, sulla promozione della stessa figura del Difensore Civico come braccio qualificato del Cittadino che vuole chiarezza, trasparenza ed efficienza dalle amministrazioni.
Insomma dare poteri, mezzi e reale indipendenza al Difensore Civico per dare più potere al Cittadino.
Al contempo è necessaria subito la nomina in Italia del Difensore Civico nazionale che dia al Cittadino un’efficace tutela per le disfunzioni di apparati amministrativi statali e  faccia parte, a pieno titolo, della rete   europea dei Difensori Civici  nazionali per contribuire   proficuamente alla politica dei diritti dell’Unione Europea.
Antonella Esposito
Translate »