DIFENSORE CIVICO STATALED, UU ESEMPIO DI CIVILTA’ E BUON GOVERNO, DA ISTITUIRE SUBITO ANCHE IN ITALIA
Relazione

Mag 1, 2023 | News | 0 commenti

DIFENSORE CIVICO STATALE, UN ESEMPIO DI CIVILTA’ E BUON GOVERNO, DA ISTITUIRE SUBITO ANCHE IN ITALIA

In molti Paesi del mondo il Difensore Civico Nazionale, nato sulla scorta del modello svedese, è un’Istituzione indipendente posta a tutela del Cittadino e a salvaguardia di abusi di potere o comunque di mal governo di Amministrazioni o Enti Statali.
E’ un organo indipendente dallo Stato e con suo budget separato, proprio per poter garantire la sua assoluta imparzialità e indipendenza.

 

NON SOLO IN SVEZIA O POCHI STATI ESEMPLARI

Alcuni pensano che il Difensore Civico fosse esclusivamente  prerogativa  degli Stati più avanzati e democratici, di cui la Svezia è appunto esempio, ovvero solo  manifestazione di uno Stato così avanzato, trasparente e al servizio del cittadino, da essere pronto a mettersi in discussione innanzi al Popolo.

In realtà, si tratta di un Istituto diffusissimo non solo tra i Paesi dell’Europa e della Macroregione Mediterranea, ma in tutto il mondo, come baluardo del Cittadino, che ha così la possibilità di manifestare il suo disagio contro lo Stato.

 

DOVE NEL MEDITERRANEO?
Tra i Paesi del Mediterraneo si citano Francia, Monaco, Malta, Spagna.
Muovendosi a oriente e nella zona del Magreb Albania, Bosnia Erzegovina, Croazia, Montenegro, Slovenia, Cipro, Grecia, Turchia, Algeria, Tunisia, Marocco, Libia ed Algeria.
Ed ancora Israele, Regno Unito, Gibilterra, Libano ed Egitto.
Nel Mediterraneo allargato al Golfo Persico Iran, Etiopia, e Nigeria.

 

ITALIA, LA GRANDE ASSENTE

In un quadro dove la presenza del Difensore Civico Nazionale è la norma, spicca per la Sua assenza l’Italia.

Infatti in Italia esiste solo il Difensore Civico regionale e provinciale, non quello statale.
Nel bacino del Mediterraneo e del Golfo Persico, gli unici Paesi, oltre l’Italia, che ancora non hanno un Mediatore a tutela del cittadino verso le Istituzioni sono la Siria, la Palestina e l’Iraq.

Sembra strano che l’Italia si trovi nella stessa situazione di Paesi che hanno visto lunghi anni di guerra e lotte interne, terre travagliate e dove la mancanza di questa figura chiave può essere giustificata, dalla mancanza di un Governo stabile e di una unità reale.

Oggi non solo l’Europa ma anche la Macroregione Mediterranea chiede l’attivazione di questa figura anche in questi territori carenti ancora di tale figura per tutelare il Cittadino e permettergli di essere protagonista.
Prevedere il Difensore Civico Nazionale è poter evidenziare, censurare e risolvere le situazioni in cui si verificano casi di mancata trasparenza, abusi o mal governo, Cioè  è sinonimo di civiltà e democrazia.

Donatella Agrizzi, Avvocato

Articoli correlati

LE NOVITA’ DAI DIFENSORI CIVICI DEL MEDITERRANEO

LE NOVITA’ DAI DIFENSORI CIVICI DEL MEDITERRANEO

ALBANIA Un rilevante esempio di azione del Difensore Civico Nazionale albanese è rappresentato dal discorso che il medesimo ha tenuto in occasione della Giornata Internazionale dell’Istruzione, svoltasi nello scorso mese di gennaio 2024. Il Difensore Civico Nazionale...

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

ll Difensore Civico della Comunità Valenciana, Ángel Luna, afferma che l'assistenza socio-educativa dei minori di 14 anni che commettono azioni criminali viene trascurata . È così che il Difensore Civico conclude l'indagine d'ufficio, sottolineando che la prevenzione...

DIFESA CIVICA E COESIONE

DIFESA CIVICA E COESIONE

La Difesa Civica si è andata consolidando, nonostante ad essa non sia stato riconosciuto ancora in Italia il rango costituzionale, come un ‘’potere terzo’’ per la Cittadinanza protagonista  nell’ambito delle istituzioni.  Come tale svolge una sua specifica funzione di...