LA FIGURA DEL MEDIATORE EUROPEO – PRIMA PARTE

Dic 30, 2017 | News Internazionali | 0 commenti

Il Mediatore europeo, eletto dal Parlamento europeo per la durata della legislatura con mandato rinnovabile, è una carica istituzionale che indaga sulle denunce relative a casi di cattiva amministrazione da parte delle istituzioni o di altri organi dell’Unione Europea.

Esempi di tali istituzioni sono: la Commissione Europea, il Consiglio dell’Unione Europea ed il Parlamento Europeo. Esempi di organi che possono essere oggetto di indagine da parte del Mediatore Europeo sono: la Fondazione Europea per la formazione professionale e l’Agenzia europea dell’ambiente.

Non rientrano nella giurisdizione del Mediatore solo la Corte di Giustizia ed il Tribunale di Primo Grado.

Se ne deduce che il Mediatore non può aprire indagini nei confronti di:

– Autorità nazionali regionali o locali degli Stati membri (rectius: ministeri, agenzie statali o regionali e consigli locali), anche nel caso in cui le denunce concernino materie comunitarie;

– Autorità giudiziarie e Difensori Civici;

– Imprese e privati cittadini.

Il Mediatore normalmente conduce le sue indagini sulla base di denunce, presentate da cittadini o residenti dei paesi dell’UE o da associazioni o aziende con sede nell’UE, ma ha anche la possibilità di aprire indagini di propria iniziativa.

Il Mediatore indaga su casi di cattiva o carente amministrazione. Tali casi si verificano quando un’istituzione comunitaria non agisce nel rispetto della legge, non rispetta i principi della buona amministrazione oppure viola i diritti umani. Alcuni esempi sono: irregolarità amministrative, ingiustizia, discriminazione, abuso di potere, rifiuto di accesso all’informazione, ritardo ingiustificato.

Il Mediatore, al termine delle indagini, può sic et simpliciter, informare l’istituzione denunciata lasciando ad essa la risoluzione del problema.

Se il problema non è risolto in maniera soddisfacente nel corso delle indagini, il Mediatore cercherà di trovare una soluzione amichevole che elimini la cattiva amministrazione e soddisfi il denunciante.

Se il tentativo di conciliazione fallisce, il Mediatore può formulare delle raccomandazioni all’istituzione al fine di risolvere il problema. Se l’istituzione non accetta la raccomandazione, il Mediatore può presentare una relazione speciale al Parlamento Europeo.

Articoli correlati

DIFENSORE CIVICO GARANTE DEGLI ANZIANI

DIFENSORE CIVICO GARANTE DEGLI ANZIANI

GIORNATA MONDIALE DI SENSIBILIZZAZIONE SUGLI ABUSI SUGLI ANZIANI l 15 giugno si è celebrata, in Italia con apposite iniziative dell'ANDCI, la Giornata mondiale di sensibilizzazione sugli abusi sugli anziani, che mira ad aumentare la consapevolezza pubblica...

LE NOVITA’ DAI DIFENSORI CIVICI DEL MEDITERRANEO

LE NOVITA’ DAI DIFENSORI CIVICI DEL MEDITERRANEO

ALBANIA Un rilevante esempio di azione del Difensore Civico Nazionale albanese è rappresentato dal discorso che il medesimo ha tenuto in occasione della Giornata Internazionale dell’Istruzione, svoltasi nello scorso mese di gennaio 2024. Il Difensore Civico Nazionale...

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

DATI SUL NUMERO DI MINORI DI 14 ANNI CHE COMMETTONO REATI MANCANTI

ll Difensore Civico della Comunità Valenciana, Ángel Luna, afferma che l'assistenza socio-educativa dei minori di 14 anni che commettono azioni criminali viene trascurata . È così che il Difensore Civico conclude l'indagine d'ufficio, sottolineando che la prevenzione...

DIFESA CIVICA E COESIONE

DIFESA CIVICA E COESIONE

La Difesa Civica si è andata consolidando, nonostante ad essa non sia stato riconosciuto ancora in Italia il rango costituzionale, come un ‘’potere terzo’’ per la Cittadinanza protagonista  nell’ambito delle istituzioni.  Come tale svolge una sua specifica funzione di...